Associazione Lissi

24 gennaio/ Associazione Lissi/ Riflessioni sulla cultura dello stupro

«Per il giorno domenica 24 gennaio, alle ore 16, l’Associazione Alfonso Lissi ha organizzato un incontro online sul tema della cultura dello stupro, con l’obiettivo di definirla e approfondirne i concetti. La relatrice sarà Sveva Basirah Balzini, attivista e fondatrice di “Sono l’Unica Mia”. Approfondirà i concetti base della cultura dello stupro – una cultura in cui la violenza sessuale è normalizzata e minimizzata, direttamente o indirettamente, da atteggiamenti, norme e media – per poi andare a esplorare le sue dinamiche e riflettere su come essa faccia parte della nostra quotidianità.

(altro…)

Greenwashing e globalizzazione

Può essere il futuro dell’uomo in quanto consumatore terrestre (sic) un peso insostenibile ed insieme inezia? Possono le azioni dell’umanità essere pesate sulla bilancia del pianeta ed essere valutate insieme macigno e piuma? A quanto pare sì.

(altro…)

19-20 settembre/ Associazione Lissi/ Arte non convenzionale in mostra

«I giorni 19 e 20 settembre, l’Associazione Alfonso Lissi organizza, presso la propria sede di Via Ennodio 10 a Como, l’esposizione “Lis-piazza – Mostra, installazioni e performance di arte non convenzionale”. Tale evento si inserisce nel contesto di Spazio Lissi, una serie di mostre artistiche che si svolgeranno nei prossimi mesi.
Ospiti di questo evento sono 17 giovani artisti del nostro territorio; sono fotografi, pittori, scultori e musicisti che hanno elaborato i loro lavori (tutti inediti) su un tema specifico: la piazza.

(altro…)

Nessuno spazio per chi inneggia al ventennio fascista

Sì è tenuta questa mattina, 24 luglio, la conferenza stampa per la presentazione pubblica dell’appello alle istituzioni democratiche perché impediscano l’ulteriore sfregio alla legalità repubblicana annunciato per domenica prossima, 26 luglio (a ridosso della data di nascita di Mussolini), quando i nostalgici della dittatura fascista intendono ricordare il loro duce e i loro gerarchi.

Quest’anno, a causa delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria covid-19, infatti, non si era potuta tenere la “commemorazione” fascista a ridosso del 25 aprile (Mussolini e i gerarchi vennero fucilati in nome del popolo italiano il 28 aprile 1945). Ma, pur dilazionata di qualche mese, la messa in scena nostalgica non perde di gravità, così come non diminuisce la responsabilità delle autorità che, anche quest’anno, hanno – almeno fino ad ora – deciso di dare via libera alla manifestazione.

Per questo un nutrito gruppo di realtà del territorio hanno rivolto un appello alle istituzioni – in primo luogo al prefetto, rappresentante sul territorio del governo nazionale – perché venga ripristinata la legalità repubblicana e ribadita la fedeltà alla Costituzione nata dalla Resistenza.

La manifestazione fascista di Dongo del 29 aprile 2018.

«Anche quest’anno, sia pure in data inconsueta, – si legge nella lettera ufficiale – associazioni cosiddette culturali si ripromettono di “commemorare” i fatti che sul Lago di Como hanno definitivamente chiuso il tragico ventennio dittatoriale fascista.

In nome dei valori espressi nella Costituzione Repubblicana, condivisi dalla stragrande maggioranza del popolo italiano, e conformemente a numerose leggi delle Stato, le sottoscritte realtà chiedono che in modo netto e irrevocabile tutte le manifestazioni di stampo apologetico (che nulla hanno a che fare con qualsiasi forma di suffragio e commemorazione funebre) NON siano consentite in questa occasione e negli anni futuri. Consideriamo questo un dovere per le autorità e per le istituzioni della Repubblica.»

La lettera è firmata da ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta”, ARCI provinciale, ACLI, Como senza frontiere, Associazione Lissi, Soci Coop Lombardia, Osservatorio democratico sulle nuove destre, Articolo uno, Monimento 5Stelle, PD, PRC, Sinistra Italiana, CGIL, CISL e UIL.

L’appello è stato inviato oltre che al prefetto e al questore anche al procuratore della Repubblica perché anche a Como vengano intraprese le adeguate azioni giudiziarie, che a Milano hanno portato a recenti pronunciamenti del Tribunale di Milano (come si legge nella lettera dell’ANPI di Como pure consegnata ufficialmente alle autorità locali).

Al riguardo è stata anche presentata, dall’on. Chiara Braga del Partito Democratico, un’interrogazione al Ministro dell’Interno.

Non risulta che – fino ad ora – vi siano state risposte da parte delle istitutizioni.

[FC, ecoinformazioni]

4 maggio/ Lavoro e flessibilità a tre anni dal Jobs Act

VOLANTINO LAVORO-1.jpg

Venerdì 4 maggio alle ore 20.45, l’Associazione Alfonso Lissi organizza,  alla propria sede di Via Ennodio 10 a Como, la conferenza Lavoro e flessibilità a 3 anni dal Jobs ActRelatore dell’evento sarà Pietro Rizzi, Master Degree in Economics de La Sapienza; interverranno anche Giacomo Licata, Segretario Generale della Cgil di Como, e Adria Bartolich, Segretaria Generale Cisl Laghi.

(altro…)

19 novembre/ Oltre lo sguardo/ Elle

download

Domenica 19 novembre dalle 21 alle 23, al salone dell’associazione Lissi (via Ennodio 10), sarà proiettato Elle (2016, 130′)di Paul Verhoeven, adattamento cinematografico del romanzo di Philippe Djian Oh (2012), presentato al Festival di Cannes 2016 e candidato all’Oscar 2017 alla miglior attrice protagonista per l’interpretazione di Isabelle Huppert.

(altro…)

23 settembre/ Italia Cuba/ Il caso Venezuela

Il 23 settembre alle 15 all’associazione Lissi in via Ennodio 10 a Como, organizzato dal circolo “V.Espìn” di Como dell’Associazione Nazionale d’Amicizia Italia Cuba, si terrà un incontro intitolato Il caso Venezuela. Si comincerà con la proiezione del video La causa oscura, documentario del 2017 di Hernando Calvo Ospina. «Questo mio documentario non è un lavoro occasionale. Continuerà ad avere un senso finché gli Stati Uniti persisteranno nell’idea di abbattere la Rivoluzione Bolivariana in atto in Venezuela, con l’obbiettivo di impadronirsi del petrolio e delle altre risorse naturali. Nel 1902, l’Inghilterra, la Germania ed altre nazioni europee vollero conquistare il Venezuela. Gli argomenti e le pratiche di destabilizzazione di quell’epoca lontana sono quasi le stesse di quelle di oggi. Questo documentario è basato su interviste a studiosi venezuelani che, con un linguaggio semplice, raccontano una storia che i grandi media insistono a nascondere o tergiversare». Questo il commento di Ospina riguardo il suo documentario.

Seguirà un dibattito con Eduardo Barranco Hernandez, viceconsole della Repubblica bolivariana del Venezuela al Consolato di Milano, e Marco Consolo, responsabile del dipartimento America latina del partito di Rifondazione comunista.

Per info: www.italiacubacomo.net

[LB, ecoinformazioni]

22 aprile/ La Resistenza raccontata

Tu non sai le colline è lo spettacolo di Arianna Di Nuzzo e Gabriele Penner, con l’accompagnamento musicale di Mauro e Fabrizio Settegrani, dedicato alla Resistenza che viene presentato il 22 aprile 2017 alle ore 21 nel Salone “Alfonso Lissi” di Como, in via Ennodio 10 a Rebbio.

Lo spettacolo, promosso da Anpi Provinciale, Associazione Nazionale di amicizia Italia – Cuba, Associazione Lissi, Circolo Sandro Pertini, Cisl Scuola, ComitatoSoci Coop, Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta” in collaborazione con Biblioteca Comunale di Como, racconta la storia della «La Resistenza italiana raccontata attraverso gli autori italiani più amati, un percorso umano, privo di retorica tra la prosa di Cesare Pavese e la sua “casa in collina” e le poesie dello stesso Pavese, di Italo Calvino, di Gianni Rodari, Salvatore Quasimodo, Pier Paolo Pasolini e Pietro Calamandrei. Sullo sfondo la radio, unico mezzo di informazione, a proporre i discorsi del duce Mussolini, gli annunci del generale Badoglio i comunicati del CLNAI».

La proposta, che rientra nel progetto “le memorie difficili” del Teatro D’Acqua Dolce,   si  inserisce nelle proposte didattiche dell’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta di Como.

Per info e prenotazioni tel. 3472681803 (Patrizia Di Giuseppe) o isc-como@isc-como.org o patdig.digiuseppe@gmail.com

 

24 marzo/ Avvocato! e dibattito all’Associazione Lissi

Venerdì 24 marzo alle 20.45 l’Associazione Alfonso Lissi promuove alla sala di via Ennodio 10 a Como-Rebbio la proiezione del documentario Avvocato! [anno 2005, 70′, regia Alessandro Melano, Marino Bronzino] sul processo torinese alle Brigate Rosse e sull’omicidio di Fulvio Croce. A seguire, dibattito con Carlo Cecchetti, giudice del Tribunale penale di Como e Paolo Camporini, presidente della Camera penale di Como e Lecco. Modera l’iniziativa l’avvocato Angelo Garlati. Info www.associazionealfonsolissi.it

27 gennaio/Il ricordo dell’Olocausto degli Omosessuali

olocausto-omosessualiAnpi provinciale di Como, Arci comitato provinciale di Como, Biblioteca comunale di Como, Cgil – camera del lavoro, comitato Soci Coop, Cisl scuola dei laghi, Istituto di Storia Contemporanea P.A. Perretta e Associazione A. Lissi, promuovono venerdì 27 gennaio alle 15 in occasione della Giornata della memoria, alla Biblioteca comunale di Como in piazzetta V. Lucati l’incontro Il ricordo dello sterminio degli omosessuali.
Si stima che gli omosessuali internati nei lager siano stati almeno cinquantamila. All’incontro parteciperà Giovanni Boschini , presidente dell’Arcigay di Varese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: