Mese: Ottobre 2009

Il Consiglio comunale di Como di martedì 20 ottobre 2009

cernezziÈ proseguita nel Consiglio di lunedì 19 ottobre, ancora in diretta televisiva, la discussione sulle paratie. Diminuito sensibilmente il pubblico, oltre ai quindici in sala in Sala stemmi c’erano poco più di una ventina di persone.

«A Como è una costante che un progetto venga modificato in corso d’opera – così, nelle preliminari Marcello Iantorno, Pd – il posteggio di via Dante varierà in altezza e nella facciata. Sono inaccettabili le modifiche dell’impresa».
La prima a prendere la parola nella ripresa del dibattito è stata la consigliera Silvia Magni, Pd, che ha attaccato frontalmente la maggioranza «a cui credo manchino capacità di autocritica e ascolto» e ha poi aggiunto «non ho sentito nessuno chiedere scusa, è il minimo che il sindaco avesse da fare».
Pasquale Buono, Pdl, dopo aver cercato di minimizzare l’argomento «a Como non esistono più altri problemi», ha chiesto di sentire i tecnici in anticipo, rispetto all’assemblea prevista per lunedì prossimo, appoggiato su questo anche da Francesco Pettignano del suo stesso partito, lanciando bordate contro Caradonna, «nei cui confronti sono sempre stato critico sin da quando sono stato eletto capogruppo di Forza Italia». Dopo aver affermato di essersi fidato del sindaco e dei tecnici nel 2003, quando ha votato di non discutere del progetto in aula, a poi concluso «o si sbloccano i problemi della città o andiamo a casa».
Altri attacchi alla Giunta sono arrivati poi anche da Emanuele Lionetti, Lega, «abbiamo trovato il sistema per chiudere a città turistica!» che ha poi lanciato un ultimatum al sindaco dato «lo sprezzo nei confronti del Consiglio comunale», dopo le affermazioni del sindaca che in caso di sfiducia a Caradonna lo avrebbe comunque mantenuto in Giunta così come fatto per gli altri assessori che l’assemblea aveva chiesto di allontanare, «ci deve essere un sussulto, uno scatto di vergogna, entro il 15 di novembre. Se no apporrò la sedicesima firma per discutere della sfiducia al sindaco».
Sospesa la seduta per 20 minuti il presidente Pastore coadiuvato dalla riunione dei capigruppo ha quindi deciso di anticipare l’incontro con i tecnici e chiesto di esporre lo stato dei lavori all’ingegner Viola.
Il direttore dei lavori e ideatore della variante al primo lotto ha perciò spiegato la necessità delle modifiche stanti diverse deficienze del progetto iniziale: dalle scale che non sarebbero potute stare in piedi alla mancanza dell’impiantistica per i due edifici della Navigazione. Ha ribadito il cambiamento della seduta che sarebbe partita da 0 cm nel lato ovest per arrivare a 1 m in quello est in un unico muretto della stessa altezza per motivi estetici e riaffermato la giustezza rispetto al progetto originario delle altezze salvo ammettere «al posto che a 199,35 arriva a 199,42, in realtà è più alto di 7 cm, chiedo scusa». Ha poi aggiunto che comunque non era il solo ad aver visto i progetti ma «li hanno guardati in dieci e nessuno se ne è accorto». «Serviranno solo 12-13mila euro per portarlo alla base» ha precisato.
Un errore che ha attribuito poi alla mancanza della perizia sulla variante che, sebbene la stessa sia già stata decisa e fatta fare da lui, è stata finanziata solo recentemente, dato che mancavano i soldi necessari. Infatti l’ingegnere aveva deciso con una determina che l’Iva sull’opera sarebbe stata pagata al 10 per cento, e non al 20, recuperando così 1,2 milioni di euro, ma la ditta ha emesso fatture con l’Iva al 20 e un parere dell’Agenzia delle entrate le darebbe ragione.
Viola ha anche difeso a spada tratta assessore e sindaco: «Caradonna non sapeva come era fatto questo muro – ha dichiarato aggiungendo – l’assessore Caradonna e il sindaco non sapevano del muro».
Dopo aver negato che la passeggiata sarà più alta di 70 cm ironizzando sull’intervento della settimana scorsa del consigliere Giampiero Ajani, Lega, ha poi ammesso indirettamente che la differenza fra quella che sarà la pavimentazione della passeggiata e il punto più basso in piazza Cavour ci saranno 64 cm di dislivello.
Per finire l’ingegnere ha denunciato i pochi guadagni che ha fatto assumendosi l’onere di seguire le paratie «si prende solo lo 0,5 per cento dell’importo della base d’asta», che poi verrebbero divisi con i collaboratori.
La serata si è così conclusa con le domande di chiarimento chieste dai consiglieri, che troveranno risposta questa sera, da «lei tuttologo poteva gestire così 1 milione di euro come se nulla fosse?» di Alessandro Rapinese, Area 2010, a «Ma il progetto era tuto sbagliato?» di Stefano Molinari, Pdl, sino a «Dal marciapiede opposto si vedrà il lago?». [Michele Donegana, ecoinformazioni]

La stampa serve, non serva. Alla Cgil il 21 ottobre alle 21

servenonservaPer la libertà di stampa è sempre più necessaria anche a Como la mobilitazione. Riunione dei firmatari dell’appello per la Libertà di stampa, mercoledì 21 ottobre, alle ore 21, nella Sala Noseda della Camera del Lavoro in via Italia Libera 23 a Como.


Il successo della manifestazione di sabato 3 ottobre – con più di quattrocento persone in piazza a Como e quasi cinquecento firme raccolte a sostegno della libertà di stampa attaccata quotidianamente dal presidente del Consiglio – ha dato speranza ai tanti cittadini e cittadine comasche che intendono ribadire il valore fondante della Costituzione, garanzia per la libertà di tutti.
Per dare seguito alla mobilitazione e continuare insieme un percorso condiviso, i firmatari dell’Appello per la libertà di stampa si incontreranno mercoledì 21 ottobre, alle 21, nella Sala Noseda della Cgil, in via Italia Libera 23 a Como.
I temi sul tappeto relativi al mondo dei media, sia locale sia nazionale, sono molti ed è sempre più necessaria la mobilitazione di tutti coloro che ritengono un valore minacciato la libertà di stampa, anche al fine di garantite tutte le altre libertà costituzionali.
La mobilitazione, nata dalla proposta di pochi cittadini, ha ormai coinvolto una parte significativa della società lariana: oggi esiste la possibilità di dare alla città ulteriori opportunità di azione e di approfondimento sul tema. Perché la stampa serve, non serva.

È importante che i tanti gruppi, sigle e associazioni firmatarie dell’appello del 3 ottobre partecipino all’incontro almeno con un loro rappresentante.

Per aderire a titolo personale o in rappresentanza di un’organizzazione http://www.ecoinformazioni.it, ecoinformazioni@tin.it
Info: 338.6004019

Comitato promotore mobilitazione in difesa della libertà di stampa

Cortile 105

calemardLe tante persone intervenute all’inaugurazione sabato 17 ottobre hanno completamente riempito il Cortile 105. L’originale forma della galleria d’arte dentro uno studio di architettura segna il suo primo successo.

Uno spazio originale e interessante, un cortile, ambiente urbano normale con i suoi stendipanni sui balconicini e, contemporaneamente, il posto più adatto per la mostra delle artiste della Gallerie Arte chic. Centinaia le persone intervenute, attente all’elegante allestimento dell’ambiente, ai quadri – particolarmente belli i pesci di Aude Calemard -, alle lampade esposte e attratte dalle immagini che illustravano i lavori di architettura e arredamento realizzati da Giorgio Botta e Milena Ghielmetti.

Il pane e il ferro. Società e assistenza a Dongo 1899-1922

ISBN-164-DellaFonteCinquanta persone hanno partecipato alla presentazione del volume di Enrico Della Fonte edito da Nodo Libri per la collana Società e storia dell’Istituto di storia contemporanea Pier Amato Perretta di Como, nella Sala d’oro del Palazzo Comunale di Dongo.

«Una storia locale, non una microstoria, che ben si raccorda con il contesto più altro nazionale e regionale» ha precisato nella presentazione Edoardo Bressan, docente di Scienze dell’educazione e della formazione all’Università di Macerata.

Incontro Pd antiparatie venerdì 16 ottobre

murosoloPiù di cento persone hanno partecipato alla serata di presentazione del Progetto paratie e delle sue varianti organizzata dal Partito democratico all’Auditorium don Guanella a Como venerdì 16 ottobre.

Moderatore dell’incontro è stato il segretario cittadino Stefano Legnani che, ricordando la nascita dell’opera già con la Giunta Meda, ha subito dato la parola a Mario Lucini, consigliere comunale e presidente della Commissione urbanistica di Palazzo Cernezzi, che con l’apporto delle tavole dell’opera.
Il consigliere ha cominciato spiegando il progetto originale prima di affrontare la famosa variante che ha determinato l’edificazione dell’ormai famoso muro.
Piazza Cavour è a 198,57 metri su livello del mare e le paratie sono progettate per difendere fino a 200,30 (nel ’76 il lago è arrivato a 199,90, nell’87 a 200, nel ’93 a 200,01 e nel ’08 a 198,97, solo per citare alcune esondazioni).
Partendo da est a S. Agostino sparirà l’alaggio delle barche all’interno del molo, per lasciare spazio ad una scalinata su terreno di riporto dalla difficile pendenza per cui sorgono dubbi di stabilità. Sull’attuale passeggiata da poco più a nord dell’ingresso sul molo a sud, dopo una barriera fissa in metallo alta 65 cm per 12 m di lunghezza, saranno poste ogni 3 metri delle colonne, bitte, alte 75 cm, tra cui, in caso di necessità, verranno alzate manualmente delle paratoie alte 70 cm.
Proseguendo, attorno al bar posto dinanzi alla stazione delle Ferrovie Nord, l’attuale ringhiera si trasformerà in un muro di 1 metro e in lungo Lario Trieste, davanti ai filari di alberi, si comincerà con un muretto di 30-40 cm con cespugli che raggiungerà, davanti al Terminus i 120-140 cm dall’attuale sede stradale, interrotto da paratoie a ventola.
«Un dato curioso è che tutte le sezioni allegate al progetto – ha spiegato Lucini – sono state fatte in prossimità delle paratoie, salvo l’ultima sulla variante, non ne sono state approntate con i muri di sbarramento».
Per piazza Cavour il primo progetto prevedeva una scalinata centrale con ai lati due moli della navigazione protesi nel lago a salvaguardia dalle inondazioni tra questi due “speroni”, a 7 metri dalla riva, dovevano salire dal lago delle paratoie scorrevoli. Attorno ai due moli, rialzati rispetto alla strada dei muretti che raggiungeranno alla testa i fatidici 200,30 ovvero 1,60 m dal piano della strada. Barriere fisse erano previste davanti alla piazza per esondazioni di portata minore, tenendo sempre presente un rialzo del piano di calpestio di 12-13 cm.
«Qui non si capisce – ha spiegato Lucini – a quale quota saranno le difese dato che su alcune tavole è segnata la quota di 199,60 e su altre 199,30».
La pendenza sulla passeggiata verso il lago sarà del 2-3 per cento.
Ma il progetto originale ha subito una modifica di cui non v’è traccia in deliberazioni ufficiali, «mi rifiuto di credere che la Giunta non ne sappia nulla» ha recisamente affermato Lucini, tranne che per un passaggio all’Amministrazione provinciale per un parere che ha portato alla modificazione principalmente di alcune fioriere.
Le principali modifiche sono intercorse su piazza Cavour, dove è stato eliminato il Mose comasco a favore di una serie di paratoie mobili sul marciapiede del lungolago, e nel’ultimo tratto di lungo Trento, quello incriminato per la costruzione del muro.
Da una prima ipotesi che prevedeva il susseguirsi dal punto più basso di una paratoia di 18 m, 30 m di muro (la cui testa doveva essere ad 1,30 m sul livello della strada), e una doppia alternanza di 6 m di paratoie con altri 30 m di muro (nell’ultima parte un murettino di 20 cm), si è passati a 10 m di paratoia, 30 m di muro (la cui testa sarà quindi più alta essendo più vicina al lato più basso), 10 di paratoia e 66 di muro. Inoltre la pendenza non sarà più distribuita su tutta la larghezza della passeggiata bensì nella parte con i filari di alberi, raggiungendo quasi il 5 per cento, mentre la parte senza sarà in piano.
Dal dibattito è emersa la preoccupazione dei cittadini per quanto riguarda la falda e le mancata protezione di altri luoghi della città dove esce il lago come la zona dell’hangar.
La falda defluisce normalmente verso il lago ma troverà lo sbarramento delle palancole. Per questo è stata prevista una trincea per permettere all’acqua di defluire ai lati e di essere pompata altrove.
Proposte diverse si sono accavallate per vedere come uscire dalla situazione di impasse creata dal Comune denunciando anche il mancato fermo dei lavori che proseguono incessantemente. [MIchele Donegana, ecoinformazioni]

Parziale vittoria del Terzo settore

easL’Agenzia delle Entrate rivede in parte l’attacco alle associazioni previsto col famigerato modello Eas. Slitta dal 30 ottobre al 15 dicembre il termine per la produzione di montagne di carta, burocrazia obbligatoria e punitiva in grado di paralizzare una buona parte del mondo della promozione sociale italiano paradossalmente visto come settore da spremere e opprimere fiscalmente sempre di più.  Salve le onlus.

Il Comunicato stampa dell’Agenzia delle entrate che illustra le novità.

L’accordo separato spacca anche i metalmeccanici di Como

metalmeccaniciCompleta divergenza di valutazione tra Fiom e Fim comasche sul Contratto dei metalmeccanci. Per la Fiom la scelta di Fim e Uilm di firmare l’accordo con Federmeccanica «è illeggittima, crea un danno per le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici ed costituisce un atto distruttivo delle relazioni sindacali e sociali nel nostro Paese». Per la Fim si tratta di «un buon contratto, sottoscritto per la prima volta, dopo molti anni, prima della scadenza, senza una tantum, senza scioperi».

Fiom: Contratto no!

Fim: Contratto sì!



Il Consiglio comunale di Como di mercoledì 14 ottobre 2009

cernezziNotevole nella seduta di mercoledì 14 ottobre la confessione di Stefano Bruni: «Di urbanistica continuo a non capire nulla». Questa la disarmante dichiarazione del sindaco di Como fatta forse – si spera – in modo ironico .

«Vorrei ricordare che è depositata presso la presidenza del Consiglio una mozione di sfiducia al sindaco – ha affermato Mario Molteni, Per Como, nelle preliminari all’assemblea di mercoledì 14 ottobre – per chi sia così liberale da permetterci di discutere così da dare voce non solo alla minoranza ma anche alla città intera». Il consigliere ha poi riproposto il tema delle strisce pedonali cancellate a Monte Olimpino «i cittadini sono disposti a fare loro il lavoro e se dovesse mancare la vernice a raccogliere i sordi necessari per comprarla».
«Cosa si sta andando avanti a fare nel cantiere delle paratie? – ha chiesto Mario Lucini, Pd – la magistratura e gli uffici non hanno bloccato i lavori che spero non pregiudichino le future varianti».
Dopo il sollecito al controllo della variante urbanistica di Borgovico, una richiesta già fatta in aula, ha poi attaccato la Regione Lombardia «è scandaloso che si esprima sul mantenimento del monoblocco del S. Anna [chiedendone l’abbattimento], dopo avere approvato i tre stecconi più alti del monoblocco stesso». «Spero non si sia di nuovo pronti a chinare il capo ai soprusi della Regione che certamente, checché ne dica il sindaco o Formigoni, non ci vuole bene» ha quindi concluso il consigliere.
Vittorio Mototla, Pd, ha denunciato l’assenza di luce in molte strade la sera, particolarmente per Sagnino, chiedendo se è il Comune moroso con l’azienda Il sole o se quest’ultima stia ottemperando o meno al contratto.
Il consigliere democratico ha poi nuovamente chiesto una recinzione per il cippo ai caduti di Ponte Chiasso e condannato la nuova legge sulla limitazione della circolazione delle auto immatricolate come euro 0 definita come «ingiusta e illegittima».
Sul deposito delle firme per la mozione di sfiducia è quindi nata una querelle fra Marcello Iantono, Pd, e il segretario generale del Comune Fabiano, che ha trasmesso una lettera in proposito ai consiglieri, «viene negato l’esercizio delle nostre funzioni e prerogative» ha scandito a gran voce il consigliere.
Sul traffico causato dai lavori di asfaltatura per il Giro di Lombardia è intervenuto Alessandro Rapinese, Area 2010, raccogliendo le scuse del sindaco che si è giustificato con l’impossibilità di effettuare lavori notturni data l’ondata di freddo che ha investito la città.
Insediatasi l’assemblea sono stati affrontati gli emendamenti al Piano casa presentati principalmente dalle opposizioni, solo uno, poi passato, è stato proposto dalla Lega per dare a tutti uno sconto sugli oneri di urbanizzazione.
Le minoranze si sono viste approvare delle modifiche per maggiore chiarezza del testo e la tutela anche delle piccole aree lasciate libere nel progetto iniziale all’interno dell’Oasi del Bassone.
Tutte le altre proposte tendenti ha mettere ulteriori vincoli, o a sottolineare la sicurezza sul lavoro nei cantieri, sono state bocciate.
Minoranze che si sono poi presentate in ordine sparso al voto finale, con diverse posizioni non ricomposte all’interno dei vari gruppi divisi fra astensione e voto contrario, espresso da Rapinese, Molteni, Mottola e Donato Supino, Prc, mentre la delibera è passata con l’approvazione compatta della maggioranza.
Soddisfatto il sindaco Stefano Bruni per la prima volta nelle veci di assessore all’urbanistica, «un settore di cui non sapevo nulla e che ho dovuto studiare e di cui continuo a non capire nulla», ha detto forse in maniera ironica.
Dopo una pausa di sospensione chiesta delle minoranze il Consiglio ha proseguito i lavori, senza aspettare il rientro dei consiglieri usciti che in parte stizziti hanno poi abbandonato la seduta, approvando l’intitolazione come Spazio culturale cavalier Antonio Ratti dell’ex chiesa di S. Francesco. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

Contro omofobia e razzismo

toudaiIn un’appassionata lettera indirizzata a tutta la società lariana, Marco Caporali, con tutta la forza di chi ha subito su se stesso le discriminazioni che colpiscono ogni diversità, denuncia quanto accaduto il 13 ottobre in Parlamento con lo stop alle norme contro l’omofobia e invita alla mobilitazione a partire dalla manifestazione antirazzista del 17 ottobre. C’è un muro da abbattere.

Il testo integrale della lettera.

«Quanto accaduto ieri nelle aule parlamentari italiane è senza precedenti; la volontà di tutti al diritto all’autodeterminazione di sé, indipendentemente la provenienza, l’appartenenza ad un partito, il sesso; più in generale, differenze di scelte personali che risiedono unicamente nella differenza che caratterizza l’unicità di ciascuno. Quando parlo di unicità non parlo solo di scelta sessuale ma anche di condizione umana, di appartenenza etnica, di scelta religiosa, e di tutto quel che concerne l’intimo mondo che ci distingue come diversi l’uno dall’altro ma, tutti ugualmente uniti ed appartenenti alla stessa specie, con gli stessi diritti, pari opportunità.
Hanno parlato di legge salva gay, sull’onda di aggressioni frequenti dell’ultimo periodo, tralasciando, ad esempio quanto vissuto dalle donne, oltre che dai gay o dai fenomeni di bullismo negli ambienti scolastici o militari.
Io Marco Caporali in passato ho già scritto con frequenza ai giornali e partecipato a diverse trasmissioni televisive per ribadire quello che vivevo e vivo in prima persona perché omosessuale, perché sieropositivo, perché invalido al cento per cento; le mie istanze di allora risiedevano nel vissuto personale ma non si fermavano a questo poiché ho sempre pensato che una conquista per le categorie di minoranze a cui appartenevo fossero conquiste che in seguito sarebbero appartenute a tutta la società civile ( diritto alla cura per tutti, diritto al consenso informato, diritto alla privacy, diritto ad una qualità della vita migliore e ad un mondo di relazione ecc.)
Tutti questi fattori fanno di me un soggetto che rappresenta l’esempio della possibile espressione dell’emarginazione sociale, civile, morale, senza dare nessun peso a quanto sia il valore (anche fosse residuo), di cosa possa rappresentare dal punto di vista relazionale, affettivo, nel mio pur limitato mondo di affetti e legami. E’ per questi motivi che fino a quando mi è stato possibile e in minima parte anche oggi ho dedicato gran parte della vita (oltre metà) al volontariato, all’impegno civile, all’implementazione di gruppi di autoaiuto. Un impegno mirato che potesse permettermi di portare avanti delle istanze con altri come me; da soli, non avremmo potuto trovare, né la forza né il riconoscimento sociale. Il mio impegno risiede tuttora nella convinzione che ciascuno di noi gode di un valore aggiunto quantificabile oltre quanto produce, le proprie differenze o i propri limiti, poiché questi possono e diventano nell’insieme altra fonte di comunicazione e di scambio. Per dirla in breve, tutti siamo parzialmente inabili, tutti siamo diversi, non esiste per fortuna l’omologazione secondo un modello nazista di specie.
Siamo sempre stati consapevoli che il nostro percorso fosse una conquista di civiltà che ci poneva in comunicazione con gli altri e poteva restituirci almeno parte di quella dignità tolta da una cattiva quanto disinformata propaganda effettuata nei primi anni del fenomeno Aids.
Oltre che di Aids voglio parlare anche delle enormi difficoltà che in un Paese come l’Italia le persone omosessuali sono costrette ad affrontare quotidianamente. Per un italiano come me, il percorso verso un’ omosessualità vissuta in maniera libera è stata tre volte difficile:
L’accettazione di ciò che ero;
Il percorso di visibilità verso l’esterno;
L’enorme muro che solo in Italia tra i paesi occidentali pone l’omosessuale ancora tra gli emarginati (lo stereotipo dell’omosessuale è: o il fantoccio televisivo da macchietta comica o il vincente per forza che deve essere un grande artista o un grande stilista, tutto quello che è in mezzo viene cancellato).
Stare nel mezzo significa essere una persona comune che vive quotidianamente il rapporto con i colleghi di lavoro e che deve guadagnarsi il rispetto attraverso la dimostrazione del valore di se mille volte amplificato, sia dal punto di vista produttivo che dal punto di vista relazionale. Stare nel mezzo significa vivere il giudizio di quanti con ipocrisia sono pronti a giudicare ma senza conoscerti come persona. Stare nel mezzo significa anteporre le tue scelte e il tuo essere esistenziale al tuo essere relazionale e al tuo valore umano e professionale. Tutto questo mi ha costretto negli anni a crearmi un ambito relazionale protetto, dove non sono giudicato, dove non sono strumentalizzato da politicanti, religioni, ipocrisie varie.
E’ un insulto a tutti credere che la conquista civile e sociale sia privilegio di pochi, perché così non è.
Dico tutto questo perché con la coincidenza di quanto accaduto nelle aule parlamentari, è stato immediato e legittimato l’aggressivo comportamento di bande che sentono in pericolo la propria virilità. A questi soggetti manca l’ intelligenza di comprendere che evidentemente la loro la virilità è già stata tolta. Quello che però farebbe riflettere è che, se davvero, il parlamento è lo specchio della società italiana, corriamo un grave pericolo. Fossero anche pochi, già nella giornata di ieri, giorno in cui è sta bocciata la legge sull’omofobia, bande “difensori dell’ordine costituito e parlamentarmente legittimato” hanno aggredito, picchiato in maniera vile, prostitute, tossicomani, omosessuali, immigrati in varie zone dell’interland milanese.
La paura porta, come al solito, e come in passato a non denunciare direttamente i fatti per timore di ritorsione ulteriori, poiché in quei quartieri la gente vive ed è costretta quotidianamente a rapportarsi con questa gente.
Per quanto mi riguarda sono sempre stato dell’opinione che fosse importante e legittimo il diritto all’autodifesa, oggi, per la condizione in cui vivo, inabile e più debole che in passato, sento di non volermi abbassare allo stesso livello di questa gentaglia. Quando parlo di gentaglia mi riferisco anche ai signori di quel parlamento che non ci rappresentano, o per lo meno che non rappresenta quelli come me.
Sono consapevole che per il sistema economico e a causa della patologia di cui sono portatore, rappresento tuttavia un business, tale per cui vengono portati decine di migliaia di euri nelle tasche di case farmaceutiche, mentre la mia mera sopravvivenza (la pagnotta quotidiana) può anche aspettare! Ebbene, io non ci sto. Se il compromesso alla mia sopravvivenza deve essere legato alla negazione di parte di me stesso, per curare i veri interessi di altri e di un parlamento che non mi rappresenta, di una politica lontana dai miei bisogni, preferisco dar seguito al percorso naturale di normale malato terminale quale sono, senza terapie di supporto e salvavita. Quello che dico è una provocazione e ne sono consapevole, ma abbiate almeno la decenza di comprendere cosa mi costringete a vivere con questo ennesimo sopruso.
In passato ho subito aggressioni fisiche oltre che verbali per il diritto alla mia autodeterminazione, oggi non ho un rapporto di coppia da difendere quindi non devo pensare alla legittimazione di uno status di convivenza, ma esistenziale. Questo è ancora peggio. Peggiore è anche il fatto che chi abbia respinto la proposta di legge sull’omofobia fosse anche una parte del partito democratico. A questo aggiungo l’aggravante che fosse una donna. Nella forma più stalinista e bieca di un retaggio che pensavamo ormai alle spalle, quello che si profila al di fuori della mia realtà soggettiva è una guerra tra bande dove da una parte ci saranno i “cosiddetti estremisti”, con l’unico difetto che devono sopravvivere, non possono cambiare il colore della pelle o diventare ipocriti; dall’altra ci sono ipocriti veri, quelli che hanno perso la propria virilità….ah! dimenticavo i parlamentari con tutto il loro supporto militare, comprese le ronde.
Scusatemi per l’arrabbiatura e l’ironia e la provocazione, ma certo è che io non tornerò indietro di trent’anni.

Invito tutte le forze sociali, civili, le organizzazioni di volontariato, le forze sane di questa società a promuovere iniziative popolari di educazione contro l’odio e per la convivenza civile, antirazzista, contro l’omofobia e contro una politica che da tempo non rappresenta la vita reale delle persone.
Ripartiamo partecipando alla grande manifestazione antirazzista che si terrà a Roma il 17 ottobre promossa dalla quella parte della società civile del nostro paese che vuole reagire».

Prima che la nebbia cancelli il muro

muro e io pagoIl Pd ha presentato mercoledì 14 ottobre alla stampa l’insieme delle sue iniziative contro il muro a lago. Per evitare che su tutta la vicenda cali una coltre di nebbia venerdì 16 ottobre alle 21 all’auditorium don Guanella in via Tommaso Grossi 18 a Como ci sarà l’incontro pubblico Le paratie e la trasparenza, quello che la Giunta Bruni non ha mai spiegato, conosciamo il progetto.

«Abbiamo organizzato la serata di approfondimento per una maggiore chiarezza e trasparenza – ha detto Stefano Legnani, segretario cittadino del Pd, a proposito della serata di spiegazione del progetto e delle varianti alle paratie che si terrà venerdì prossimo all’auditorium don Guanella – noi siamo sempre stati contrari alle paratie sia all’ipotesi scultura e poi al muro».
Un incontro che è solo una tappa di un percorso che passa anche per altri passaggi: «Ho presentato un esposto per alla Procura della Corte dei conti della Regione Lombardia – ha spiegato il consigliere comunale Marcello Iantorno – che accerterà se ci saranno gli estremi per il risarcimento danni». Per la precisione è stata chiesto «di procedere con la opportuna tempestività agli accertamenti tutti del caso e ai controlli delle spese e dei comportamenti delle publbiche amministrazioni e dei soggetti responsabili al fine di prevenire ed evitare ulteriori conseguenze pregiudizievoli e comunque ottenere il ristoro dei danni maturati e maturandi alla finanza pubblica con emissione dei provvedimenti di legge».
Insomma una richiesta danni «a partire da quelli di immagine della città» ha precisato il consigliere.
«Il rischio è quello che su tutta la vicenda cali una coltre di nebbia, per questo l’iniziativa di venerdì – ha aggiunto Luca Gaffuri capogruppo Pd a Palazzo Cernezzi – anche per rispondere alle domande come è potuto accadere? E chi paga?». «
Un modo anche per rendere i cittadini parte attiva nella battaglia politica che si svolgerà nel capoluogo comasco.
Il gruppo consiliare del Partito democratico infatti ha presentato una mozione urgente per chiedere la censura grave del sindaco, e dell’assessore Caradonna, oltre che le dimissioni di quest’ultimo, o la sua rimozione da parte di Bruni. All’ultimo punto viene poi richiesto che «venga subito rimosso il muro innalzato nel cantiere e data disposizione che nessun manufatto potrà essere innalzato in modo da compromettere in qualsiasi misura la integrità del paesaggio procedendo alla revisione del progetto nel rispetto integrale ed assoluto del paesaggio stesso».
Da venerdì partirà anche una raccolta firme per sostenere l’iniziativa contro il muro. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: