Oltre il giardino

A Milano le Donne cancellate

Dopo il grande successo al Palazzo del Broletto di Como, la mostra Donne cancellate approda a Milano, nell’edificio U6 dell’Università Bicocca, in piazza dell’Ateneo Nuovo, 1.

Il Centro Aspi – Archivio storico della psicologia italiana, e il Polo di Archivio Storico (PAST) della Biblioteca di Ateneo dell’Università degli studi di Milano-Bicocca hanno infatti promosso l’allestimento della mostra, curata dall’associazione Oltre il Giardino onlus e realizzata dal fotografo Gin Angri con le immagini e i documenti tratti dalle cartelle cliniche femminili dell’ex Ospedale psichiatrico San Martino di Como.

Al centro del racconto visivo sono riproposti i volti e le storie delle ricoverate che in questo luogo consumarono la loro esistenza (in tutto o in parte) tra il 1882 e il 1948.La mostra sarà visitabile dal 25 marzo al 20 maggio 2019 (dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 21.30, il sabato dalle 8.00 alle 13.30) nella galleria dell’Aula Magna dell’Università di Milano-Bicocca (piano terra, edificio U6), con ingresso da via Piero e Alberto Pirelli 22 o da piazza dell’Ateneo Nuovo 1.
L’esposizione rientra anche negli eventi del PhotoFestival che si svolgerà a Milano dal 17 aprile al 30 giugno 2019.

Scarica la locandina

L’inaugurazione della mostra si terrà martedì 26 marzo 2019 alle ore 17.30 nell’edificio U6, 4° piano, Sala Rodolfi dell’Università di Milano-Bicocca.

Il programma prevede, dopo i saluti istituzionali di Maria Cristina Messa, rettrice dell’Università di Milano-Bicocca, di Carmen Leccardi, Centro di ricerca interuniversitario “Culture di genere”, di Carlo Fraticelli, Dipartimento di salute mentale e dipendenze dell’ASST lariana, e di Massimo Clerici, Dipartimento di salute mentale dell’Ospedale San Gerardo di Monza, alcuni interventi di approfondimento:

L’internamento delle donne in manicomio tra ’800 e ’900 – Candida Carrino, storica della psichiatria 
Il San Martino di Como, un manicomio di confine – Gianfranco Giudice, filosofo e storico locale 
Uno sguardo per riscattarsi – Roberto Mutti, storico e critico della fotografia 
modera Mauro Antonelli, direttore del Centro Aspi, Università di Milano-Bicocca 
Sarà presente il fotografo Gin Angri, che condurrà al termine una visita guidata alla mostra 

18 novembre/ ”Senza memoria non c’è bellezza”. Oltre il Giardino Project e Dona Flor per ”Donne cancellate”

45294689_10155917728342525_836567510802235392_n

Per domenica 18 novembre, dalle 17 alle 19, è prevista un’iniziativa speciale in occasione della mostra al Broletto “Donne cancellate”, aperta al pubblico fino alla stessa data (qui maggiori informazioni sulla mostra): gli Oltre il giardino Project insieme ai Dona Flor porteranno uno spettacolo veramente unico: “Senza memoria non c’è bellezza”. Poesia, musiche e canzoni attorno al tema della donna in tutte le sue varie sfaccettature.

(altro…)

Fino al 18 novembre/ Donne cancellate, in mostra dall’Ospedale Psichiatrico al Broletto

Il 27 ottobre è stata inaugurata ( e resterà aperta fino al 18 novembre) al Broletto la mostra Donne cancellate – Riportiamole a casa – L’archivio dell’ex Ospedale Psichiatrico San Martino di Como nelle fotografie di Gin Angri, a cura dell’associazione Oltre il giardino onlus, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura e con il sostegno economico della famiglia di Giannino Brenna, di Graziano Brenna e della Fondazione Bertolaso-Totaro-Sponga. 

(altro…)

10 ottobre/ Giornata della salute mentale/ A 40 anni dalla legge Basaglia

42186105_1872928796126642_3435073414086262784_o.jpg

In occasione della Giornata della salute mentale, mercoledì 10 ottobre, dalle 21, Oltre il Giardino Onlus e ARCI Xanadù organizzano “A quarant’anni dalla Legge Basaglia”, un incontro con Leo Nahon (già assistente  all’Ospedale psichiatrico provinciale diTrieste e direttore del reparto di psichiatria dell’azienda ospedaliera Ospedale Niguarda Cà Granda e Carlo Fraticelli, direttore del dipartimento di Salute mentale e dipendente dell’Asst lariana.

(altro…)

Quarant’anni dalla legge Basaglia: il bilancio di Piero Cipriano, “psichiatra riluttante”

36343682_10216240506224842_8286907198815076352_n.jpgDavanti a un pubblico di circa quaranta persone, riunite alla libreria Feltrinelli di Como nel pomeriggio di venerdì 29 giugno, Piero Cipriano, “psichiatra riluttante” e scrittore, ha presentato il suo ultimo libro, “Basaglia e le metamorfosi della psichiatria” [ed. Elèuthera, 2018] dialogando con Andrea Quadroni de “La Provincia” e con Mauro Fogliaresi dell’associazione Oltre il giardino, che sabato 23 giugno ha presentato due numeri speciali in occasione dei 40 anni della legge Basaglia. Cristiano “Paspo” Stella, sempre di Oltre il giardino, ha accompagnato musicalmente l’incontro con brani tratti dal repertorio musicale dello Oltre il giardino project. (altro…)

29 giugno/ Piero Cipriano presenta “Basaglia e le metamorfosi della psichiatria”

34324887_1759257814121035_1611994860770820096_o.jpg

Si terrà venerdì 29 giugno, tra le 18 e le 20, alla libreria Feltrinelli di Como (via Cantù 17) un incontro con Piero Cipriano, autore di “Basaglia e le metamorfosi della psichiatria” ( ed.Elèuthera, 2018). Con l’autore dialogherà Mauro Fogliaresi, dell’associazione “Oltre il giardino”; modererà il giornalista Andrea Quadroni.

(altro…)

23 giugno/ “Oltre il giardino”: due numeri speciali a quarant’anni dalla legge Basaglia

33785640_10155593627642525_3492439668761296896_o.jpg

In occasione del quarantennale della legge Basaglia, l’Officina della musica di via Giulini 14/b a Como e l’associazione Oltre il giardino invitano,sabato 23 giugno dalle 18, alla presentazione di due numeri speciali della rivista Oltre il giardino.

(altro…)

18 dicembre/ Oltre il giardino/ Sì, viaggiare

Viene presentato lunedì 18 dicembre alla 17,30, allo Spazio Parini in via Parini 6 a Como il nuovo numero di Oltre il giardino, prodotto dall’omonima onlus. Il tema questa volta è il viaggio e per chi ha già incontrato questa singolare esperienza di editoria sociale è chiaro che non si tratta di turismo. Qui si parla di viaggi reali e immaginari alla ricerca di sé, di come portare per il mondo le valigie, talvolta pesanti, della propria anima.

Tra i molti interventi di questo numero, segnaliamo il reportage fotografico (Gin Angri) sulle cure palliative ai malati terminali, il rapporto per immagini della partecipazione di Oltre il giardino alla XVII Mostra internazionale di arte contemporanea, la toccante storia siciliana di Tinuccia e quella “del Luigi”, i racconti di viaggio (in treno, a piedi, in moto, in macchina o stando fermi, magari sognando) dall’Armenia, dal Marocco, dal Sahara, dal Perù, dal Gambia, dal Burkina Faso, dall’India, dal Nord Europa, ma anche da Bellagio, da Milano o da Cantù.Come è nello stile della rivista, il linguaggio è spesso poetico, fortemente affidato alla fotografia, e non mancano testi ironici e interventi artistici, oltre all’immancabile “fumetto di Mario”. [Andrea Rosso, ecoinformazioni]

Insolite case

 

FELTRINELLI OLTRE 13.JPG

 

Venerdì 30 alla Feltrinelli di Como la bella compagnia di Oltre il giardino ha presentato il nuovo numero dell’omonima rivista, dedicato all’abitare. Come da tradizione, il tema è affrontato da punti di vista del tutto insoliti, come è insolita la redazione-comunità che da anni approfondisce il legame tra disagio personale e sociale ed espressione poetica e visiva. (altro…)

Il teatro civile dei matti

dongua aa.jpg

OLTRE IL GIARDINO PROJECT 2.png
Un elogio della diversità. Così inizia lo spettacolo di teatro-canzone presentato da Oltre il giardino per l’associazione la Stecca di Como all’Auditorium Don Guanella a Como il 21 aprile. Non tutti i matti vengono per nuocere (testi e regia di Mauro Fogliaresi, Immagini di Gin Angri, musiche di Oltre il giardino Project) è in realtà una raccolta biografica della  “detenzione mentale”, una sorta di Spoon River sulla collina di San Martino, accompagnata da uno straordinario repertorio fotografico, in gran parte tratto dall’archivio dell’ex ospedale psichiatrico, tuttora intatto, ma non ancora restituito alla città.
(altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: