Villa Bernasconi

20 giugno/ inizia Parolario 2019

Al via la kermesse ormai tradizionale che come ogni anno trasforma molti spazi comaschi in librerie con incontri, dibattiti e tanta letteratura. La sede principale sarà Villa Olmo, il tema è La Curiosità, incarnata nell’animale guida del gatto, che la usa per conoscere meglio la realtà e migliorare le sue capacità cognitive, proprio come noi esseri umani. L’inaugurazione si terrà presso la sede principale alle 17, con una serata ricca di incontri e spunti di riflessione.

(altro…)

21 giugno/ Cernobbio/ “La Villa fiorita, la Villa della seta”

35748064_10216169828377940_8474185657164496896_n.jpg

La stagione estiva di Villa Bernasconi a Cernobbio (largo Campanini 8) si aprirà giovedì 21 giugno, primo giorno d’estate, alle 20,30, con l’inaugurazione della Mostra fotografica a cura di Gigliola Foschi e la presentazione di  tutti gli appuntamenti dei prossimi mesi. (altro…)

3 giugno/ Villa Bernasconi per la Giornata nazionale del piccoli musei

Domenica 3 giugno villa Bernasconi aderirà alla Seconda Giornata Nazionale dei Piccoli Musei. Per questa occasione la Villa aprirà le sue porte ai visitatori dalle 10:00 alle 18:00 con ingresso gratuito.

(altro…)

5 maggio – 31 agosto/ Esposizione a villa Bernasconi “Sky Well” di Beili Liu e “La cena” a cura di OLO creative farm

Due nuove installazioni in arrivo a Villa Bernasconi: la videoinstallazione olografica permanente La cena, a cura di OLO creative farm, e Sky Well dell’artista cinese Beili Liu, in mostra dal 5 maggio al 31 agosto. Un nuovo progetto artistico che rinnova la collaborazione fra il museo di villa Bernasconi e l’associazione culturale Arte&Arte. Inaugurazione venerdì 4 maggio alle 18.30.

(altro…)

5 marzo/ “Come nasce Terra Matta” a Villa Bernasconi

“Come nasce Terra Matta” è il racconto di un progetto a cura di Stefano Panzeri. Tornano a Villa Bernasconi gli appuntamenti di “Como-Cernobbio Andata/Ritorno”, la partnership culturale promossa dal Comune di Cernobbio con il Teatro Sociale di Como giunta al quarto anno di attività.

(altro…)

13 gennaio/ “Cominciamo dal Brutto anatroccolo” a Villa Bernasconi

Prende il via con “Cominciamo dal Brutto Anatroccolo” il 2018 di Villa Bernasconi a Cernobbio. Il laboratorio creativo per bambini, dai tre anni di età organizzato nell’ambito del quarto anno di attività di “Como-Cernobbio Andata/Ritorno”, promosso dal Comune di Cernobbio con il Teatro Sociale di Como, sabato 13 gennaio animerà la mansarda della storica dimora liberty.

I piccoli partecipanti saranno guidati alla scoperta dello spettacolo teatrale “Piume, in viaggio con il brutto anattrocolo”, prodotto dal Teatro San Teodoro di Cantù, in scena domenica 14 gennaio alle ore 16:00 al Teatro Sociale di Como.

Ascoltare, disegnare, costruire, intrecciare trame fantastiche saranno al centro di questo laboratorio al termine del quale, ad ogni partecipante, verrà regalato il gioco del “Brutto Anatroccolo”. Un inizio di nuovo anno all’insegna delle attività per i più piccoli per Villa Bernasconi, la quale è dall’autunno 2014 palcoscenico di tutti gli appuntamenti di “Como-Cernobbio Andata/Ritorno”, una partnership fortemente voluta, e concretizzata, dal sindaco di Cernobbio, Paolo Furgoni, e dall’allora Presidente del Teatro Sociale di Como, Barbara Minghetti.  Il prossimo appuntamento di “Como-Cernobbio Andata/Ritorno” sarà in programma nel mese di marzo per la presentazione dello spettacolo “Terra Matta”.

Per info: http://www.villabernasconi.eu

[VC, ecoinformazioni]

16 giugno/ Parolario/ Diamo i numeri!

La seconda giornata di Parolario offre una lunga serie di iniziative per tutte le età dislocate tra le ville del lungolago che collega Como a Cernobbio. Nel primo pomeriggio saranno proposti due laboratori a Villa Olmo: Arm Knitting per gli adulti alle 15,30 e Festa dei bambini con origami alle 16, per bambini e bambine dai 7 ai 12 anni. Alle 17 avrà luogo l’intervento Le nuove tecnologie: etica, società e potere a cura di Paolo Bellini. A seguire La sinfonia dell’infinitamente piccolo, con cui Michela Prest ci invita a concepire la fisica da un punto di vista completamente nuovo grazie alla collaborazione di Teatro Sociale di Como AsLiCo. Sempre alle 17, a Villa Sucota si parlerà di valorizzazione dei beni culturali nello sviluppo economico attraverso un dialogo tra Cludia Taibez della Fondazione Antonio Ratti, la direttrice del museo di Palazzo Reale a Genova Serena Bertolucci e il direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori. Alle 18 poi, all’Ordine degli Architetti di Como in via Sinigaglia sarà presente Alberto Ferlenga con l’intervento Città e memoria: come strumenti del progetto. Di nuovo a Villa Olmo sarà messo in scena alle 18,15 uno spettacolo dal titolo Si calvi chi può. Commedia d’amore surreale in atto unico, proposto da Andrea Vitali e dagli ospiti della comunità riabilitativa di Piario in val Seriana. Presso lo spazio The Art Company di via Borgovico 163  sarà inaugurata alle 18,30 la mostra di Claudio Villa Sciur capitan, dedicata al cantautore comasco Davide Van De Sfroos. Alle 18,30 sarà anche inaugurato un ciclo di incontri a Villa Bernasconi a Cernobbio da Nicoletta Sipos, che presenterà il suo nuovo libro La promessa del tramonto. Un altro libro sarà presentato dalla sua autrice alle 19,30 a Villa Olmo: Buone ragioni per restare in vita di Anna Savini, che narra delle vicende di un malato di cancro. Il fisico  Guido Tonelli, tra gli scopritori del bosone di Higgs, sarà invece presente a Villa Olmo alle 20,30 per presentare il suo volume Cercare mondi. Per concludere la ricca giornata sarà proiettato il film Spider del regista canadese David Cronenberg, con Ralph Fiennes e Miranda Richardson. [T.G., ecoinformazioni]

Il cachemire dall’Oriente al Lario

È dedicata al cachemire l’ormai tradizionale mostra annuale promossa dalla Fondazione Antonio Ratti, quest’anno – come lo scorso – ampliata a raggiungere da villa Sucota anche villa Bernasconi a Cernobbio.

Cachemire-scialle

La mostra – promossa dalla Fondazione Antonio Ratti e dalla Città di Cernobbio – è complessa, come complicata è la storia e persino l’attualità di questo motivo che dall’Oriente ha ormai stabilmente conquistato anche la moda occidentale. In Italia lo si chiama cachemire (alla francese), in Gran Bretagna Paisley, ma il suo elemento fondamentale – quella goccia col peduncolo flesso, quasi ad alambicco – ha il nome persiano di boteh, che significa “ammasso di foglie” e quindi, in un certo senso, “giardino”. Veniva usato per decorare gli scialli di lana della regione indiana del Kashmir, ma è ormai stabilmente associato, soprattutto a Como, alla seta.

Cachemire-manteau

E quindi, nelle sale di villa Sucota e villa Bernasconi, si è trasportati dal lontano Oriente alle sfilate contemporanee, dalla Russia all’Alsazia, dagli scialli ai pizzi, dalle vesti ottocentesche alle camiciole hippy, dalle composte figure ottocentesche alle icone pop, dalle cravatte ai gilet, dalle sensuali vestaglie che il sommo Vate proponeva alle sue ospiti fino ai vestiti da sera del prêt-à-porter. È un viaggio che può apparire tortuoso, ma che si rivela di grande piacevolezza, e fonte di molti stimoli e di molte scoperte.

È anche un omaggio alla passione collezionistica di Antonio Ratti, che giusto trent’anni fa propose in una grande mostra una scelta di scialli cachemire dalle sue raccolte, mostra che servì a rilanciare la fortuna del motivo, non solo dal punto di vista degli studi. Nella mostra attuale l’ambizione è quella di indicare le molte strade che hanno portato a quegli straordinari reperti e che da quelli si dipartono nuovamente, presentando quindi nuovi pezzi inediti dalle collezioni del Museo Studio del Tessuto, aggiungendo le realizzazioni storiche e contemporanee di numerose aziende comasche, e affiancando oggetti, tessuti e abiti provenienti da altri musei e privati.

Ognuno può scegliere i suoi oggetti preferiti (ce n’è veramente per tutti i gusti). Per chi vuole approfondire il ricco catalogo, curato da Margherita Rosina e Francina Chiara e pubblicato da NodoLibri, offre tutte le informazioni del caso e una nutrita scelta di immagini.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

ce n’è veramente per tutti i gusti). Per chi vuole approfondire il ricco catalogo, curato da Margherita Rosina e Francina Chiara e pubblicato da NodoLibri, offre tutte le informazioni del caso e una nutrita scelta di immagini.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

 

La mostra è allestita nelle due sedi espositive di Villa Sucota a Como e di Villa Bernasconi a Cernobbio, situate a poca distanza l’una dall’altra sulla sponda occidentale del lago di Como.

Orari: da lunedì a venerdì 14-18, sabato e domenica 10-19

Aperture speciali e visite guidate su prenotazione

Biglietti: intero € 8, ridotto € 5 (fino a 25 anni, oltre i 65 e per convenzionati), gratuito fino a 12 anni

Informazioni: +39 031 3384976 – info@fondazioneratti.orghttp://www.fondazioneratti.org

17 giugno/ Parolario a Cernobbio

Liberi tutti

Riparte dal 16 giugno Parolario 2016 liberi tutti, con attività culturali che coinvolgeranno il territorio comasco tra letture e laboratori. A Cernobbio la manifestazione, ospitata da villa Bernasconi, aprirà il 17 con la presentazione di Perché le donne valgono [Cairo] con Sabrina Scampini, l’autrice, e la Brigata dei Novellatori di Cernobbio. Quest’anno l’iniziativa si dividerà in due parti: tutti i giorni tranne il 17, il 18 e il 21, dalle 16.30 verranno presentati  laboratori e letture per bambini, mentre dalle 18.30 si terranno gli incontri con gli autori.

(altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: