Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 347.3674825, ecoinformazionicomo@gmail.com

Cgil Como/ Ex ospedale Sant’Anna ideale per il centro unico di cottura

img_20180115_110744866.jpgLe organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl, Uil) e la Rsu di Como sono promotori già da tempo di un centro unico di cottura. Nella propria proposta sindacale (resa pubblica alla conferenza stampa di lunedì 15 gennaio alla sede di Cgil Como in via Italia Libera 23), individuano la scelta migliore in tal senso nell’ex ospedale Sant’Anna lungo la via Napoleona che, con un modico e mirato investimento, sarebbe ben attrezzato per la preparazione dei pasti. Inoltre, si potrebbe assicurare il mantenimento della gestione pubblica del servizio, che si è dimostrato garanzia di continuità, qualità, professionalità e garante di avere molte potenzialità per il futuro.

«Il centro unico di cottura interessa tutti i lavoratori e non soltanto quelli presenti all’interno, trattandosi di un servizio pubblico» osserva Matteo Mandressi, segretario di Cgil Como; inoltre, tale struttura, come è stato ribadito, ha come obbiettivo anche quello di occuparsi della distribuzione di cibo per la Cittadella della salute che sta sorgendo in via Napoleona.
«La richiesta del mantenimento del servizio pubblico è legata anche a motivi economici – specifica Vincenzo Falanga, segretario funzione pubblica Uil – poiché ha permesso di mantenere costi bassi. Dal 2008 sono stati preparati 4,5 milioni di pasti a un prezzo di 4,54 euro ciascuno, cifra che è andata diminuendo dal 2001 (quando si attestava sui 4,85 euro)». Anche da questi dati si capisce l’importanza che ha la proposta dei sindacati. «L’organizzazione ha però bisogno di un intervento di razionalizzazione», puntualizza Alessandra Ghirotti, segretaria funzione pubblica Cgil: un servizio che conta ben 17 cucine per 43 refettori e un totale di 4000 pasti al giorno e 110 operatori pubblici –  la maggior parte dei quali con contratto indeterminato –  è destinato a crollare, poiché solo il 25 per cento dei lavoratori prossimi alla pensione possono essere sostituiti. La scelta dell’ex ospedale Sant’Anna è sì una scelta “tecnica”, in quanto «è in una posizione centrale per il trasporto dei pasti», informa Jesuele Bellini (attualmente il 46 per cento dei pasti prodotto viene trasportato in altre scuole), ma è anche «la scelta giusta per una campagna di riqualificazione del territorio nei pressi del vecchio Sant’Anna», aggiunge Salvatore Monteduro, segretario generale Uil: basti pensare all’autosilo di Val Mulini, quasi completamente in disuso. «Nulla fa pensare ad alcun elemento di criticità, ma solo ad un’opportunità per la continuazione di un servizio di qualità» concordano tutti i presenti.
Si attende un riscontro positivo alla proposta sindacale. «Questa è la scelta migliore, da portare a compimento con cognizione di causa e tempi tecnici adeguati [individuati nell’anno scolastico 2019-2020]» sottolinea Ghirotti. [dl, ecoinformazioni] Già on line sul canale video di ecoinformazioni i video dell’iniziativa.

 

Già on line sul canale video di ecoinformazioni anche tutti gli altri video dell’iniziativa.

Un commento su “Cgil Como/ Ex ospedale Sant’Anna ideale per il centro unico di cottura

  1. Pingback: Mense scolastiche ai privati?

I commenti sono chiusi.

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: