Referendum

Anche l’Arci lotta per il diciotto

E’ iniziata sabato 13 ottobre la raccolta di firme per i referendum promossi dalla Fiom, da alcuni partiti e forze sociali relativi all’abrogazione dell’articolo 8 della legge approvata nel settembre del 2011 dal Governo Berlusconi e delle modifiche all’articolo 18 dello statuto dei lavoratori introdotte dal governo Monti. L’Arci ha in più occasioni ribadito la sua ferma contrarietà a queste norme, che modificano la struttura del diritto del lavoro, cancellando tutele e garanzie conquistate in decenni di lotte sindacali. Per questo Arci Como ha deciso di aderire al comitato referendario e propone due momenti di raccolta firme: lunedì 26 novembre presso il circolo Arci Xanadù, via Varesina 72 a Como nell’ambito della serata I Lunedi del cinema e venerdì 30 novembre insieme ad Anpi Como sempre presso il circolo Arci Xanadù, durante la serata conclusiva del progetto Memoria Resistente. Tutti gli altri appuntamenti con i banchetti di raccolta firme su: www.referendumlavoro.it
 
 

La historia es nuestra y la hacen los pueblos

Lunedì 20 giugno, nella bellissima cornice della Corte Castello a Cucciago, il gruppo Baldanze offre una serata danzante dedicata all’eccezionale risultato degli ultimi referendum! Sarà un’occasione per festeggiare insieme facendo la cosa che più ci piace: danzare! Suonerà il gruppo Quartetto distratto; il concerto avrà inizio alle 20.30 circa e dovrà terminare entro le 23. In caso di maltempo è probabile che la serata si tenga presso l’auditorium Sei sesti in via Spinada, sempre a Cucciago. Gli organizzatori hanno dato alcune indicazioni per la partecipazione: «Non è possibile esporre segni politici di alcun genere ma se volete portare qualche cartellone o striscione riferito all’esito delle urne….. ben venga!» (altro…)

Già superato alle 12 di domenica a Como il’12 per cento

Sono confortanti i risulatti dell’affluenza alle urne domenica 12 giugno alle 12 in provincia di Como.  Il dato provinciale si attesta poco al di sotto dell’11 per cento (10,74) con un leggera prevalenza per i due quesiti contro la privatizzazione dell’acqua.  A Como l’affluenza è stata del 12,53 %, record provinciale a Brunate con quasi il 15 per cento, risultato peggiore a Veleso meno del 3 %. I dati  fanno ben sperare per il raggiungimento del quorum e segnano comunque già una vittoria della democrazia diretta. Rispetto alle precedenti consultazioni referendarie  nazionali nelle quali il dato dell’affluenza alla fine delle giornate di voto si era attestasto negli ultimi dieci anni a Como (escludendo quello costituzionale) intorno al 25 per cento (nell’ultimo del giugno 2009 al 23 per cento) il fatto che già alle 12 della prima giornata si sia ampiamente superato il 10 per cento significa che l’attenzione popolare ai temi proposti e notevolmente più grande.   I prossimi dati saranno disponibili poco dopo le 19 di domenica.

Contro Guglielmo d’Occam

Paolo Di Adamo, coordinatore del Comitato vota Sì per fermare il nucleare, interviene in risposta all’articolo pubblicato da La Provincia di Como il 10 giugno 2011: «Leggo su La Provincia (in prima pagina) “ I referendum di un liberista” a firma di Guglielmo d’Occam. Per fortuna che a scrivere è un monaco morto nel 1349, altrimenti mi preoccuperei molto per le capacità intellettuali dell’articolista che prendendo spunto dalla” metafora del rasoio” ( rasoio d’Occam) potrebbe, secondo il mio modestissimo avviso usare per radersi non i peli della barba, bensì altre parti definite meno nobili del corpo. Il sunto della metafora è: “ non complicare ciò che è semplice”.  Leggi il seguito del post sul blog di ecoinformazioni Como enerigia felice.

100 persone al flash mob per il Sì giovedi 9 giugno alle 18.30 a Como

Energia dolce e e acqua felice, ma anche energia felice e acqua dolce al flash mob di fine campagna referendaria a Como di giovedì 9 giugno dalle 18,30 alle 19 in piazza Cavour a Como. Un centinaio di attivisti per i beni comuni si sono disposti ai bordi di un enorme Si, scritto con i manifesti delle campagne referendarie. Il momento clou della gioiosa azione a sostegno dei referendum si è avuto quando tutti i partecipanti hanno fatto simultaneamente scoppiare centinaia di palloncini bianchi con la scritta quorum per fare festa e propiziare così il reale successo della mobilitazione popolare fortissima nel comasco contro la privatizzazione dell’acqua e l’idea cretina del nucleare. Guarda la galleria di foto di Andrea Rosso.

Cisl: avotar

Con una nota del suo segretario Alberto Zappa, la Fim Cisl di Como sostiene la partecipazione al voto per i referendum che si terranno domenica 12 e lunedì 13 giugno: «Si è discusso negli organismi (territoriali e nazionali). nel rispetto delle idee e nella libertà di ciascuno  nella convinzione che  il punto di partenza unificante è che su i beni primari come acqua, energia, giustizia occorra assumere una posizione. occorre andare a votare. Gli organismi non hanno dato indicazioni di voto. Al contempo è stato promosso una iniziativa di sostegno per 4 SI con un appello sottoscritto da 94 componenti del consiglio generale fim cisl nazionale».

Per i referendum il 10 giugno a Olgiate Comasco

Venerdì 10 giugno alle 21 al Centro civico Medioevo di Olgiate Comasco in via Lucini 4,  Referendum 4 sì. Organizza il Pd di Olgiate Comasco. Intervengono Edi Borgianni, portavoce Comitato 2sì per l’acqua bene comune; Franco Mirabelli, congilere regionale Pd; , respondabile Campagna referendaria Pd.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: