Mese: Novembre 2014

29 novembre/ L’industria delle armi alimenta le guerre. Il ruolo di Finmeccanica

armi venegonoSabato 29 novembre 2014 dalle 9,30 alle17 nel Castello dei comboniani a Venegono Superiore (Va) si svolgerà l’incontro/convegno L’industria delle armi alimenta le guerre. Il ruolo di Finmeccanica. Molti i relatori, tra essi Alex Zanotelli.

«Nell’epoca della “guerra infinita” una delle attività considerate strategiche dallo Stato è il mantenimento di quelle capacità industriali e tecnologiche giudicate essenziali per la sovranità operativa delle forze armate. Con la cessione degli asset civili, Finmeccanica intende fondarsi come holding esclusivamente orientata verso i settori dell’aerospazio e della difesa in linea con un Modello di difesa più aggressivo. Obiettivo del convegno è l’avvio di un dibattito per individuare le criticità di questo modello economico e di difesa per rimodulare le scelte militariste verso una produzione finalizzata ad attività civili.

Relatori:
Domenico Moro – economista ruolo di Finmeccanica all’interno del capitalismo italiano, modifiche degli assetti finanziari e risposte alle crisi economiche e politiche
Manlio Dinucci ristrutturazione della produzione industriale nel nuovo quadro geopolitico
Alex Zanotelli guerra, l’art.11 della Costituzione e la legge 185/90 sull’export militare da un punto di vista etico
Interviste video di Maurizio Landini segretario generale della Federazione Impiegati Operai Metallurgici Fiom-Cgil Michele Zanocco segretario nazionale FIM-CISL Gianni Alioti responsabile dell’Ufficio Internazionale della Fim-Cisl

Riflessioni dalla fabbrica di Fiorenzo Campagnolo delegato ADL AgustaWestland e Giansandro Bertinotti ADL AleniaAermacchi

Dibattito e interventi
Interventi di: Rossana De Simone, Ugo Giannangeli, Gregorio Piccin….
Il dibattito è aperto a tutti gli interventi e servirà a capire i limiti teorici e quelli delle lotte che si sono registrati negli ultimi anni» [Comitato No-M346 del varesotto – Movimento No-F35 del novarese http://forumnoguerra.blogspot.it/
 – forum.no.guerra@gmail.co

Provincia: nominata la commissione per lo statuto

10500556_781282518594818_2771079973542174664_nI quattro componenti saranno: Guido Rovi (Verso una nuova Provincia), Maria Grazia Sassi (Forza Italia), Giovanni Rusconi (Lega Nord), Emanuele Mambretti (Provincia Civica). Sarà necessaria una certa celerità: solo dopo l’approvazione dello statuto, l’ente provinciale potrà cominciare a lavorare

È una conditio sine qua non: «Il nuovo statuto – ha sottolineato la presidente Livio, durante il consiglio provinciale di giovedì 27 novembre – rappresenta un adempimento fondamentale in quanto, in base alla legge Delrio, solo dopo la sua approvazione, la Provincia entrerà nella pienezza dei poteri sia per quanto riguarda la struttura organizzativa che quella istituzionale, come l’attribuzione di deleghe e incarichi formali ai membri del Consiglio provinciale».
A presiedere la commissione sarà Maria Grazia Sassi, chiamata a coordinare la transizione dal precedente ordinamento a quello da poco entrato in vigore con la legge Delrio anche per il suo ruolo di consigliere provinciale uscente dell’ultima tornata amministrativa, mentre il vice presidente sarà l’ex sindaco di Lomazzo, Giovanni Rusconi. «Anche per queste esigenze amministrative e istituzionali, per garantire alla Provincia la pienezza della sua operatività – ha aggiunto Sassi – si renderà necessario procedere con sollecitudine e prevedere per l’elaborazione e approvazione del nuovo Statuto una durata dei lavori più ravvicinata rispetto alla scadenza semestrale prevista dalla legge».
Durante la seduta si è discusso sull’assesto generale del bilancio di previsione 2014 e pluriennale 2015-2016
sul quale pesa il parere negativo del revisore dei conti. Preoccupano, in particolare, l’iva sui lavori per la galleria di Pusiano non prevista e le spese legate alla disabilità.
Per Ferruccio Cotta (Verso una nuova Provincia) la responsabilità non è di quest’amministrazione e, sullo stato attuale della provincia, spiega come sia in salute, nonostante il patto di stabilità. «Ci vuole coraggio – aggiunge – e l’approvazione è un atto dovuto: nel 2014 non ci sono state scelte di carattere politico». Preoccupato, specie dal parere tecnico contrario, il gruppo di Forza Italia.
La presidente ha chiarito un punto: «I soldi per la disabilità, essendo un problema condiviso con tutte le altre province, potranno rientrare nel fondo nazionale delle politiche sociali. Faccio mie le vostre perplessità e le porterò al ministro Del Rio».
Su tredici presenti, l’assesto generale è stato approvato con nove voti favorevoli e quattro astensioni (i consiglieri di Forza Italia). In chiusura, sono state rinnovate all’unanimità le concessioni di alcune acque della provincia di Como (già in essere) per la pesca dilettantistica e professionale. Le convenzioni dureranno fino al 31 dicembre 2016 e porteranno l’amministrazione a risparmiare più di centomila euro. [Andrea Quadroni, ecoinformazioni]

30 novembre/ Rinviato l’incontro di Legambiente sullo “Sblocca Italia” sul consumo di suolo

30-11-14 legambientePer impegni parlamentari della relatrice è stato rinviato l’incontro cin programma, domenica 30 novembre alle 10 alla Sala conferenze di Confcooperative Como in via Anzi 8, organizzato da Legambiente Como.

Bracconiere denunciato in Valle d’Intelvi

armiLa polizia provinciale ha sequestrato armi «vietate per l’esercizio della caccia». Per la precisione:una carabina importata illegalmente (non iscritta al catalogo nazionale delle armi), una potente balestra opportunamente attrezzata per il tiro notturno e diversi  dardi con punta a lame (utilizzati per la caccia agli ungulati), di cui è vietata anche la semplice detenzione

Continua l’attività di repressione del bracconaggio posta in atto dalla Polizia provinciale, da sempre specializzata in tale particolare contesto. Nei giorni scorsi gli agenti di vigilanza venatoria hanno infatti sventato l’ennesima azione di bracconaggio nell’ Intelvese, più precisamente aRamponio Verna.
Il proprietario, che era negli ultimi tempi nel mirino degli agenti della Provincia in quanto ritenuto responsabile della scomparsa di diversi capi di capriolo nel locale territorio, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica dopo essere stato sorpreso a sparare in prossimità dell’abitato.  [aq, ecoinformazioni]

Giuseppe Pontremoli alla Bicocca

giuseppe pontremoli

Un’ampia e attenta platea di future maestre e futuri maestri ha seguito con interesse La nonpedagogia di Giuseppe Pontremoli. Bambini e bambinologi, la lezione di Ivano Gamelli Il 24 novembre 2014 all’Università di Milano Bicocca. Nel giorno in cui Giuseppe avrebbe compiuto 59 anni, con molti interventi si è sviluppato il ricordo di un maestro di libertà. Di seguito i video dei molti interventi che hanno animato l’incontro nel quale è stato anche presentato l’ebook di école (scaricabile gratuitamente) dedicato al nostro indimenticabile maestro e amico. Leggi il seguito e guarda i video degli interventi su école, la rivista comasca di idee per l’educazione.

Cena al buio/ un occhio alla scuola

uiciL’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Como si sta impegnando nel progetto Vado bene a scuola, per garantire il servizio di consulenza Tiflologica agli alunni con deficit visivo della provincia di Como. Il tiflologo è lo specialista che si occupa dell’orientamento, dell’integrazione sociale e del raggiungimento delle autonomie delle persone non vedenti o ipovedenti. La sua figura risulta essere strategica perché si pone come facilitatore tra le istituzioni, la famiglia e i bisogni specifici dei bambini. In passato, a Como, questo servizio era tenuto vivo dall’Istituto Ciechi di Milano, in modo completamente gratuito per le famiglie, mentre da qualche anno se ne occupa la provincia di Como, attraverso visite saltuarie non sufficienti a garantire il miglior servizio. In previsione dell’attuazione del decreto che prevede l’abolizione delle provincie, il supporto didattico e finanziario verrà, con il nuovo anno, demandato ai Comuni. Il servizio tiflologico sarà a carico delle famiglie, generando non poca incertezza nei 36 alunni nella provincia. L’Unione Ciechi di Como ha pensato di muoversi verso questo orizzonte, scommettendo nella scuola, avvalendosi della collaborazione della tiflologa Elena Zorzit, al fine di aiutare gli insegnanti e la classe intera ad interagire nel migliore dei modi, mettendo a disposizione giochi e materiale specifico per l’apprendimento. Per raggiungere questo obiettivo, evitando di gravare unicamente sulle famiglie, l’associazione ha organizzato una serie di iniziative di raccolta fondi, tra cui una cena al buio che si terrà a Como venerdi 28 novembre alle 19.30, presso i l ristorante “El Sombrero”, in via Borsieri 25, al prezzo di 26 euro (prenotazione obbligatoria al numero 031 570565). Come ha ricordato il presidente dell’Unione Daniele Rigoldi: “ Il personale non vedente ed ipovedente specializzato vi inviterà a riscoprire il valore dell’ascoltare, il bello del toccare, il piacere del gustare e il fascino del riconoscere aromi e sapori”. Queste iniziative cercano il sostegno della cittadinanza per garantire qualità ad una scuola che ha sempre più bisogno del supporto di tutti. [Barbara Rizzi, ecoinformazioni]

29 novembre/ Il nuovo parco di Villa Olmo

villa olmoWorkshop aperto al pubblico, «in cui docenti, esperti, operatori del settore e semplici cittadini si confronteranno insieme sul futuro della villa e del parco»,
tra cui Daniela Gerosa, assessore a Verde, parchi e giardini, Luigi Cavadini, 29-11-12 villa olmoassessore al Turismo, e conclusioni del sindaco Mario Lucini, sabato 29 novembre dalle 9 alle 13.30 alla Biblioteca comunale di Como, in piazzetta Venosto Lucati, organizzato dall Partito democratico. Per informazioni Internet.

Approvato l’assestamento di Bilancio

COMO COMUNEPalazzo Cernezzi ha dato il via libera al documento contabile, su cui Amo la mia città si è astenuta. Passato solo un ordine del giorno del Movimento 5 stelle.

 

In due serate, lunedì e martedì 24 e 25 novembre, il Consiglio comunale comasco ha affrontato emendamenti e ordini del giorno presentati dall’opposizione e la maggioranza, quasi al completo, ha approvato il documento di Bilancio.

Nella prima serata sono stati affrontati gli undici emendamenti proposti otto dei quali discussi assieme perché tutti interessati a spostare la stessa posta dal Bilancio, i fondi per la ristrutturazione del ristorante di Villa Olmo, su altre voci. Le proposte, giunte da più parti dell’opposizione, erano di stornare fondi per la ristrutturazione del Tempio voltiano, per gli impianti di illuminazione, per la ristrutturazione delle case comunali. Tutti gli emendamenti sono stati bocciati dalla maggioranza, sulle case popolari Luigi Nessi, Paco-Sel, si è astenuto, compatta nella difesa del progetto presentato a Fondazione Cariplo per la ristrutturazione e il rilancio di Villa Olmo. «Sono 5 milioni che arrivano per un bando emblematico – ha affermato il sindaco Mario Lucini –, indispensabili per la creazioni di posti di lavoro e di un polo turistico». Un progetto «che sta in piedi se si realizza in modo completo» ha aggiunto ricordando che per il ristorante era stato pensato anche una ristrutturazione a scomputo del canone, ma che poi la scelta è ricaduta sulla ristrutturazione diretta, mentre per il Tempio voltiano sono già in Bilancio 80mila euro e «sarà necessario un monitoraggio di un anno per vedere se c’è la necessità di ulteriori interventi». Motivo per cui sono stati poi bocciati altri due emendamenti presentati dall’opposizione.

Stessa sorte per gli ordini del giorno affrontati nella seconda serata di Consiglio, incentratasi sul primo, presentato da Alessandro Rainese, Adesso Como, sul monumento donato alla città da Libeskind e Amici di Como, l’opportunità di farlo, il luogo dove farlo e il referendum promosso per far decidere alla cittadinanza sull’opera. Una proposta che ha fatto uscire allo scoperto i malumori nella maggioranza «questa scelta non è stata forse discussa in modo adeguato e avrebbe dovuto essere oggetto di discussione qui in Consiglio e all’interno della maggioranza» ha detto Eva Cariboni, Amo la mia città, che ha parlato anche di «imposizioni e di scelte poco rispettose della cittadinanza» schierandosi a favore del referendum per cui è in atto la raccolta firme. «Paco-Sel non è d’accordo per una questione di metodo, prima che di merito – ha aggiunto Luigi Nessi – ed ha delle perplessità sui costi». Una pausa di riflessione è stata chiesta dalle opposizioni «se mi fanno un regalo non mi devono imporre dove metterlo» ha dichiarato Marco Butti, Gruppo misto, «ha senso predisporre l’iter per l’edificazione quando vi è la possibilità di una consultazione popolare?» ha chiesto Mario Molteni, Per Como, «Come per la Ztl si è già deciso, i progetti c’erano già e poi ci sono stati gli incontri» ha concluso Enrico Cenetiempo, Ncd. Al voto la proposta è stata bocciata dalla maggioranza e sostenuta dalle minoranze più amo la mia città, mentre Nessi è uscito dall’aula. Ritirata una proposta di Rapinese e bocciate le altre è passato solo un ordine del giorno di Luca Ceruti, M5s, di stimolo all’amministrazione per recuperare fondi da bandi europei.

Alla fine non del tutto scontate le dichiarazioni di voto sul documento di Bilancio approvato dalla maggioranza. Contrarie le minoranze, Amo la mia città si è espressa per l’astensione rimarcando la propria perplessità sull’opera di Libeskind, inserita nell’assestamento, mentre Paco-Sel ha espresso la propria fiducia, ma con riserva, Nessi ha chiesto l’arrivo in aula al più presto del Bilancio di previsione 2015 e «una rilettura a metà mandato del programma elettorale» per valutare le azioni da intraprendere. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

Online la nuova app sul razionalismo Comasco

Rationalism_Shots_ThumbL’app è disponibile da oggi per i dispositivi supportati dal sistema operativo Android e Ios. Rispetto alla precedente (che “girava” solo su piattaforma Apple), sono stati aggiunti contenuti e immagini.

 

 

L’App Razionalismo in Provincia di Como, itinerario multimediale dedicato alle architetture razionaliste del novecento ubicate lungo la sponda occidentale del Lario, in Tremezzina e Isola Comacina, passando per Cernobbio fino alla città di Como, è oggi disponibile anche in versione Android. «Il tour audio guidato – scrive l’amministrazione Provinciale – già disponibile dal settembre 2013 per dispositivi con iOS di Apple, è stato ideato e realizzato dal Settore Cultura della Provincia di Como, capofila del Progetto Integrato d’Area (PIA) Ecolarius. Diffondere la cultura dell’ambiente e del paesaggio tra lago e montagna del programma PORL-FESR 2007-2013. Il software applicativo, sviluppato da Davide Orlando, è ora scaricabile gratuitamente dal Play Store, (l’application store ufficiale di Google), anche da coloro che utilizzano uno smartphone o un tablet con sistema operativo Android, ed è compatibile con la versione 2.3 fino alla più recente 5.0 di Android. Ma c’è di più. L’itinerario è stato ampliato di contenuti e immagini e presenta per entrambe le versioni le medesime caratteristiche
tecniche, interfaccia utente e contenuti audiovisivi realizzati in tre lingue (italiano, inglese e tedesco). La durata complessiva è ora di 55 minuti per l’aggiunta di tre punti di interesse ai dieci già disponibili, ossia la Sede dell’Unione Lavoratori dell’Industria (ULI), la Canottieri Lario, la Casa del Balilla con l’annesso Stadio Sinigaglia. Una voce narrante illustra la storia, le principali caratteristiche architettoniche e alcuni brevi approfondimenti per ciascuno dei tredici punti di interesse selezionati. La mappa interattiva permette di visualizzare sia l’itinerario che la posizione degli edifici, fornendo unitamente le necessarie informazioni sugli orari di apertura e i costi del biglietto, se previsti. Un considerevole apparato iconografico di 350 immagini, comprendente fotografie d’epoca, disegni provenienti dagli archivi degli architetti razionalisti, scatti recenti, correda inoltre la descrizione degli edifici. Sarà quindi possibile percorrere l’itinerario in modalità “virtuale” e conoscere con un approccio interattivo le architetture razionaliste più significative, con
l’auspicio di stimolarne anche la visita diretta accompagnandola con informazioni e commenti utili per la lettura dei principali valori architettonici, artistico-culturali e ambientali di opere e tematiche di riconosciuta fama mondiale. In entrambe le versioni è stata inoltre attivata la funzione di geo-localizzazione e da gennaio 2014 è disponibile il podcast audio dei file audio Mp3, di elevata qualità sonora.
Per coloro che non dispongono di un proprio dispositivo compatibile è stato infine previsto, nei prossimi mesi, l’avvio di un servizio di gestione di 20 audioguide posizionate presso alcuni punti di Informazione Turistica. Il prodotto realizzato si inserisce nel programma di investimenti strutturali per il recupero e la valorizzazione di beni culturali e ambientali promosso su ampia base territoriale dal progetto Ecolarius, e assume una forte rilevanza anche in vista di Expo 2015 con l’obiettivo di potenziare, attraverso una proposta che impiega le nuove tecnologie anche per suscitare emozioni e curiosità, un’offerta turistica diversificata e di interesse per coloro che visiteranno il Lago di Como».[aq, ecoinformazioni]

470 ecoinformazioni/ settimanale

470È on line il numero 470 di ecoinformazioni. In primo piano: Ndrangheta, Ex casa albergo di via Volta, Salute e creatività al Sant’Anna, Camera di commercio, Autosilo Viale Varese, l’Arci con la Palestina, l’Arci con l’Anpi. Seguono le pagine dedicate alle cronache e alla cultura. Il video della settimana è dedicatto alla scuola pessima di Renzi. Per sfogliare on line la rivista clicca qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: