Luigi Nessi

ecoinformazioni mensile/ maggio 2021/ Povertà

In questo numero del mensile, ecoinformazioni riflette sul peso e le responsabilità di chi informa nel riverberare di dibattiti e discussioni intorno varie tematiche (dal conflitto in Palestina alle migrazioni mediterranee, passando per diritti civili e umani, ambiente e pandemia in corso); tutte ugualmente importanti ma spesso falsate e distorte, sacrificando la veridicità dei fatti in favore di ricerca famelica di sensazionalismo e irresponsabile ignoranza.

(altro…)

Como con Nablus e Netanya

Como senza frontiere scrive al sindaco della Città di Como, messaggera di Pace e al Consiglio comunale della Città di Como per chiedere l’impegno «per far sì che ritorni la Pace nella terra di Gerusalemme e di Gaza, Pace che deve essere davvero basata sul riconoscimento della giusta causa del popolo palestinese e dei suoi diritti, da anni negati nella segregazione e nella violenza».

(altro…)

Il 25 aprile Como senza manifesti

Se non per decisioni importanti e incidenti sulla vita cittadina, ci si aspetterebbe almeno che le istituzioni cittadine si attivassero per quelle celebrazioni e commemorazioni laiche che scandiscono la vita civica e sociale della comunità di cui (parzialmente) dovrebbero essere amministratori e custodi. Ma niente, a quanto pare la giunta di Como non riesce neanche a garantirsi quel minimo sindacale di dignità con cui promuovere una iniziativa di memoria attiva per l’anniversario della Liberazione: Luigi Nessi nota, con incredulità e stupore, la totale assenza di manifesti, bandiere, neanche una piccola noticina sul sito istituzionale del comune – che invece riporta, in data 23 aprile, le disposizioni viabilistiche per la partita Como-Alessandria che si terrà proprio il 25 aprile. Giusto per rendere chiaro a tutti quali siano le priorità.

(altro…)

Luigi Nessi/ Aula bunker sempre più lontana dai cittadini

Una riflessione di Luigi Nessi sulle intenzioni delle istituzioni, chiare e leggibili nella delibera approvata dalla giunta comunale che progetta lo spostamento lì degli uffici della Motorizzazione, tagliando le gambe a qualsiasi altro progetto di integrazione, magari volto a riavvicinare chi sconta una pena nel vicino carcere con la società.

(altro…)

Luigi Nessi/ Disordine e abbandono al Cimitero di Camerlata

Luigi Nessi racconta, con un tocco delicato e accorato, una passeggiata riflessiva nel cimitero di Camerlata: accanto al saluto, raccolto e silenzioso, di qualche affetto o di memorie passate, descrive lo stato di degrado e incuria del luogo pubblico invitando cittadinanza ed istituzioni a prendersene cura. Nessi invita a firmare la petizione di Luca Michelini.

(altro…)

Pace/ La manifestazione simbolica di Como

Si è svolta nel pomeriggio di domenica 17 gennaio la manifestazione “Meno armi, più ospedali”, organizzata nell’ambito del Mese della Pace 2021 per sostituire simbolicamente la Marcia della Pace che non si è potuta tenere per le ovvie cautele sanitarie.

(altro…)

Dal Bassone per gli ultimi

Solidarietà attiva: questo uno degli insegnamenti più belli lasciati da don Roberto Malgesini alla comunità, che ancora una volta li reinterpreta persino nel carcere facendo propri quei gesti in grado di avvicinare, unire e restituire una speranza.

(altro…)

Migrantes/ Se conoscessimo le loro storie

La Chiesa cattolica ha celebrato il 27 settembre la Giornata del migrante e del rifugiato. L’ appuntamento proposto dalla nostra Diocesi e dalla Pastorale migrantes di Como si è svolto a Rebbio, nel cortile dei Comboniani. Hanno partecipato oltre 150 persone alla Santa Messa, concelebrata da don Giusto Della Valle, da don Cipriano Ferrario e da due Missionari.

E’ stato un momento di incontro, di dialogo, di riflessione, per le diverse comunità cattoliche che provengono da diverse parti del mondo e vivono la nostra città. El Salvador, ex Congo, Ucraina, Filippine, altre… Alla fine della messa, molto partecipata, piena di colori, di canti e di suoni, ci sono stati gli interventi dei rappresentanti delle comunità presenti con al centro tematiche relative ai loro paesi, ancora, come da tanto tempo, luoghi di guerra, di soprusi. E’ emerso che le conflittualità, causate sopratutto dalla ricerca da parte dei paesi ricchi, delle ricchezze nascoste nelle loro terre, le emergenze umanitarie e gli sconvolgimenti climatici, fanno aumentare sempre più il numero di sfollati e di migranti, persone che già vivono nei loro paesi in uno stato di rande gpovertà. Un mondo che occorre riscoprire, quello delle situazioni internazionali, dello sfruttamento e delle guerre, dei soprusi, delle mancanze di diritti, situazioni economiche difficili, che purtroppo ci sono ancora in molte parti del mondo. Tante persone continuano a subire e sono costretti, ricercando una vita migliore, a lasciare la loro terra, la loro casa, i loro affetti, migrando o scappando da queste situazioni.
Si parla tante volte di migranti e di sfollati, fermandosi troppe volte ai numeri, mentre si tratta di persone.Se tutti ci impegnassimo ad incontrarle, conosceremmo le loro storie e questo farebbe aumentare la nostra comprensione e la nostra condivisione. [Luigi Nessi, ecoinformazioni] [Foto Luigi Nessi, ecoinformazioni]

Lettera aperta al sindaco di Como

La Prossima Como scrive a Landriscina una lettera aperta. «Egregio Sindaco, non è nel nostro stile fare polemiche, meno che mai in questo difficile periodo. Abbiamo sempre manifestato pubblicamente le nostre idee, magari non condivise, ma le riteniamo importanti per la costruzione della “città per l’uomo”.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: